vendredi 21 décembre 2012

Lazzaro sindrome?



Volevo condividere con voi in questa illustrazione su poco conosciuto testo di grande profondità perché deve trarre la sua verità più vicina alla malattia e la sua danni collaterali.

Siamo qui al centro di un fenomeno poco o nulla percepita soprattutto dai parenti dei malati di cancro, perché qui è bene che egli è.

Lazzaro sindrome, come suggerisce il nome si riferisce a questo compagno di ritorno Gesù dai morti.

Testo da Dhomont Theresa guarigione'': fine del combattimento? '' Sindrome di Lazzaro e altre difficoltà in PatrickBen Soussan, cancro: approccio psicodinamico negli adulti.
ERES'' Il corpo'' Inoltre, 2004 P 187-195.

Guarigione: fine del combattimento?

Lazzaro sindrome e altre difficoltà

LAZZARO SINDROME

La guarigione parola è usata con cautela sul cancro.
Preferisce la remissione, anche se questa remissione può durare 20
anni.
Tuttavia alcuni, e sono più numerosi, guarire.
Completa la riabilitazione di una grave depressione, possono vivere
"Come prima", meglio di prima, ma a volte peggio.

Questo è l'ultimo che voglio parlare.

Salvato da morte certa, non possono più sentire piuttosto viva.
Aver sfiorato troppo vicino al confine tra la vita e la morte,
che non riconoscono più patria.
E la loro vita trascinato penosamente in una dimensione straordinaria che difficilmente sospetto.
Ma questo posto, si pongono domande cruciali
in cui ogni essere umano può riconoscere, come noi li assomigliano,
dimenticato naufraghi tra la nascita e la morte è sconosciuta.

Si tratta di questioni fondamentali, l'autore di Lazzaro o il grande sonno,
Alain Absire (1985) pone la piuttosto originale.
Egli immagina la vita di Lazzaro dopo essere stato resuscitato da Gesù.
Ma è non-morto Lazzaro.

Gesù risorto, nello stato in cui è, dopo quattro giorni a
regno delle ombre. Alain Absire seguici un passo indietro per la vita
Lazzaro, le sue difficoltà, la sua ribellione, i suoi errori.
Gesù compì molti miracoli, quando Maria, sorella di Lazzaro, vieni
chiedergli di guarire suo fratello.
Ma Gesù disse: "Questa malattia non è mortale, è per la gloria di Dio. '

Alcuni giorni dopo, la morte di Lazzaro Gesù è annunciato.
E 'stato rimproverato di non aver salvato. Gesù, invece, si apre la tomba
quattro giorni dopo la morte.

Un altro miracolo. Lazzaro dimostra la potenza divina.
Riflette la gloria di Dio su di lui. Molti sono curiosi, i fedeli che
venire a visitare il miracolo.
Ma Lazzaro sente la morte, egli porta le tracce del suo passaggio in un altro mondo. È magro, molto debole, i suoi sensi sono assaliti dalla vita terrena: vedere, sentire, respirare, camminare, tutto gli dà dolore insopportabile.
Ma lui non vuole questo? Una ha ancora sete?

No, non ancora, Lazzaro si sta riprendendo.

Ma a poco a poco Lazare si trova che questo stato, ha pensato,
sarà suo nuovo stato.
Contrassegna la dissolvenza morte più.
Si piangere tutto quello che ha fatto la sua vita, una buona vita: il suo lavoro
falegname, la sua forza fisica, la voglia di lavorare, sua moglie, l'amore e la
il suo desiderio per lei.

A poco a poco scompaiono fedeli e curiosi, spaventato dalla poca gloria
proveniente da Lazzaro, terrorizzati da l'immagine della morte si aggirano intorno a lui.
Il suo entourage, felice di trovare il momento della sua risurrezione,
cominciano a risentirsi per l'altro Lazzaro, diverso in ogni modo
quella che amava, quello che una volta che pianto.

Lazzaro, sentendo la paura e il disgusto che ispira anche la moglie, in
andare sulla strada in cerca di Cristo, credendo che solo lui può
rispondere alle sue domande: "Perché sono aumentate?
Perché sono vivo? Qual è il senso della mia vita? '

Professor J. Olanda, il cancro, ha proposto il termine
"Lazzaro sindrome" per descrivere le difficoltà che incontrano
di fronte a persone in remissione dal cancro, soprattutto la difficoltà
la ripresa dei rapporti con un entourage che aveva cominciato a
dolore per la notizia della malattia.

Vediamo come queste situazioni sono simili, perché questo nome sarebbe stato giustificato.

Il primo confronto che può essere stabilita sul luogo d'
medico, spesso associata con il posto di Dio. È meno sensibile poiché la
1990 e per le generazioni future, ma le persone anziane
utilizzano spesso il termine "salvatore" miracolo, un po 'di
modo più diretto di parlare di Dio che la loro morte scongiurato.



Altri parlano della necessità di fidarsi del medico, anche la fede necessaria ai trattamenti.

Il medico nella nostra società ha un posto preminente.
Si suppone di sapere come il corpo umano ed è coinvolto in questo segreto degli dei.

Oggi siamo più sicuri di sapere che il medico
nostra fortuna, o Dio, per prolungare la nostra vita.
E anche di porre fine, la nostra fiducia in Dio, è spuntata
perché abbiamo bisogno di leggi per assicurarsi che il medico non ha intenzione di estendere irragionevolmente. Nonostante le norme che limitano il potere del
medico, il mortale sarà ancora mettere il suo destino nel
mani della professione medica.

L'oncologo ha ancora di più questo posto, al momento,
il cancro è ancora fortemente segnata dal simbolo della morte e la guarigione
sembra un miracolo. Alcuni pazienti seguono con la stessa devozione
la loro visita in ospedale e il pellegrinaggio a Lourdes.

Come Lazzaro dimostra il potere divino di guarigione del cancro
testimonianza del potere della medicina. Come per Lazzaro, purtroppo,
tutte le cure della malattia non sono esattamente
per guarire i malati.

La migliore formulazione mi è stata data da MB, paragonando la sua situazione a quella di Giobbe.
Che soffrono di malattia di Hodgkin questo signore aveva perso il lavoro, la sua
casa, i suoi animali. Ora era solo, senza alcun sistema di attacco.
Sembrava andare dopo la cessazione delle cose
qui. Forse aveva il diritto a un pieno recupero dal
ha continuato a fidarsi del suo medico ha definito "uomo di scienza
e magia. " Il suo cancro è stato curato. La gioia del perdono come è stato breve
non cancellare il generale deterioramento fisico durante la malattia:
paralisi importante, dolore doloroso e la rottura della sua totale
vita sociale. Mr. B. ha cominciato a considerarsi povero come Giobbe!


Ricerca di significato DELLA GUARIGIONE


La ricerca del significato della malattia è un atteggiamento spesso incontrato
la persona interessata o del suo entourage.
Siamo in grado di trovare la stessa ricerca di senso nella società attraverso filosofico, religioso, scienza psicoanalitica.
In caso di epidemie, la ricerca di senso è possibile alimentare i conflitti tra le classi sociali.
Sembra che quando si verifica la guarigione, la stessa ricerca di senso
appare.

Quando il cancro si verifica, prende gradualmente effetto nella storia
una persona, come alcune malattie hanno un senso nella storia del
l'umanità. La fine della tubercolosi ha probabilmente alimentato la straordinaria fede
nella scienza e in un mondo moderno, dove abbiamo potuto ignorare la morte.

Il suo ritorno ha effetto anche nel crollo dell'immagine idealizzata di
mondo moderno.

Alcune persone hanno bisogno di mettere in discussione il significato della loro guarigione
e la data della guarigione biologica corrisponde a nulla nel calendario
la loro storia personale.

Come annunciato il cancro non prendere la direzione solo dalla consapevolezza di ciò che potrebbe avere un senso per la persona, la guarigione avrà un senso, dopo un processo di maturazione e di sviluppo del concetto di guarigione .

Forse è più difficile trovare un modo per curare se la ricerca del significato della malattia non è riuscito a trovare una espressione?

Dato l'aspetto mitico del cancro e il senso di colpa
sentirsi molto male (senso di colpa di aver creato loro cancro), si
può supporre che il "me curare" al medico supera
ben oltre la mera applicazione di guarigione somatica.

Dopo la guarigione somatici rivelano problemi di un altro ordine,
indirizzata al medico dovrebbe sapere tutto.

Lazzaro lamenta che Dio aveva riportato in vita, perché non è in questa vita
dove voleva. Mr. B. lamenta il suo cancro, non ha mai visto! Si dice
Ora che lui non c'è più, che il cancro è guarito. Questi sono solo parole
che non corrispondono a nulla. Questa è una storia che non gli appartiene. Ha fatto
deciso nulla di esso. La sua visione del suo cancro erano le vicissitudini della
vita, era il trattamento del dolore.

Ogni cosa in questa vita, ma anche passato era simboleggiato il dolore
vivere.
Il cancro è anche in imbarazzo a fare progetti, l'esclusione, la sua assenza nei progetti degli altri.

"Perché sono vivo? Perché al giorno d'oggi, in cui tratta di Hodgkin
perché la chemio è. Se fossi nato in precedenza, non mi chiedere queste
domande, sarei morto. Mio padre è morto di questa malattia. Aveva
in un momento in cui non abbiamo nemmeno curato.

Tutto questo non ha senso.
La mia vita è dovuta al caso! "Il tempo dopo la malattia è un altro momento. Lottando
contro il cancro, il signor B. qualche modo è venuto a superare l'età del
padre era morto. Pensava che da lì non poteva morire. Poteva
rinato.

Ma con meno paura della morte, una nuova vita sembrava molto blando
ea poco a poco la gioia di essere vivi è morto.

"Credo, ha detto, cercando di sapere di cosa sto parlando. Io
Mi chiedo quello che posso trasmettere ciò che ho visto in un modo
che la vostra confini, ma non ha nulla a che fare. Non più di un legame con la
l'altro, se è questo tentativo, dico, si sente.

Tutto quello che dicono gli amici, non posso dire. Devo far loro credere che io appartengo al mondo stesso non scappare. '
Il mondo dopo, anche se hanno pascolato non doth almeno la sua
mistero. Ma c'è più paura.
La sofferenza fisica e morale era tale che la paura della morte è stata relegata molto indietro.
La morte è l'ultimo passo, è un paradiso di pace.
La faccenda preoccupante è il modo per raggiungerlo.
La paura della morte ha contribuito a combattere il disagio del trattamento,
dolore.
Superare questa paura ora, quale sarà il motore in caso di cui hanno bisogno
combattere di nuovo?

La signora T. con cancro dello stomaco è in remissione completa
due anni.
Uno stato di affaticamento e dolore più non poteva permettergli di tornare al lavoro. Lavori domestici e la cura dei bambini sono ridotti al minimo.

Tre membri della sua famiglia sono morti della stessa malattia.
La signora T. sente equidistante da queste tre persone e le loro famiglie presenti, la sua
marito e figli, non sapendo da che parte interruttore.
Si sente il suo status di solitudine estrema, né con la morte o la vita. Solo in un mondo parallelo.


LUTTO IN ANTICIPO


Progetti fuggito, incapace di immaginare domani segnare la difficoltà
investimento affrontato da persone guarite.
Questa mancanza di investimenti non è estraneo alle dinamiche
dolore provocato da questa malattia particolare. Queste
lutto processo appaiono al paziente per quanto riguarda il mondo esterno
e per l'ambiente, rispetto al paziente.

Freud descrive il processo di lutto come un lavoro (Freud, 1915).
Questo indica la posizione attuale del soggetto. Letargo che caratterizza una persona in lutto è un segno di mobilitare tutte le sue forze per questo lutto.
"Il dolore è una reazione alla perdita di una persona amata o di un'astrazione messo in atto (casa, ideologia). '

La realtà è che l'oggetto d'amore è andato e diventa assolutamente
necessario rimuovere tutti gli investimenti libidici che potrebbe associare a questo
oggetto. La cessione non volentieri, ma non
può essere effettuata rapidamente, crea un senso di rivolta.

Questo risultato rivolta del conflitto tra l'imperativo della cessione e l'impegno di questi collegamenti. Lo scopo del lutto è che la realtà prende il sopravvento, che gli investimenti sono stati rimossi.
Così l'individuo si trova libero e disponibile per reinvestire in un altro oggetto.

In attesa di pubblicazione l'perduta continua a esistere come
nella vita psichica del lutto.
Si tratta di un compromesso che ha luogo: essere così esaltato la perdita
per poter essere staccato.

L'annuncio di una grave malattia, il trattamento non senza rischi, una
prognosi per la sopravvivenza, mentre si affronta la possibilità di morte, un
esistenza reale della sua morte.
Questo generatore può causare ansia i pazienti in due reazioni opposte:

- L'enfasi può essere sulla negazione della morte;
- O invece incentrata sulla probabilità di morte.

In quest'ultimo caso, il processo di lutto inizia verso il mondo esterno.

Questa cessione lavoro del mondo richiede un lungo
sforzo e non sarà facile per un individuo di ri guarito fino
nella direzione opposta.
Questo è ancora più difficile che la minaccia di recidiva è elevato.
Anche per l'entourage, l'enfasi può essere sulla probabilità
della morte. In questo caso, l'annuncio della malattia viene a sostituire l'annuncio
della morte. Il lavoro di suoni lutto con ancora più
ribellione, senso di colpa, anticipa la morte reale.

La signora O. Suo marito è stata diagnosticata la leucemia.

Sposato da dieci anni, la coppia viveva in disarmonia ed è stato accontentato.
Il marito della paziente ha aiutato la signora O. di immaginare una fine alla loro relazione.

Dopo un periodo di fermento all'idea di essere soli, la signora O.
ha cominciato a trovare i loro sogni e progetti per i giovani.
Gli era stato detto che in questa malattia, i drammi morali al 50%. Suo marito non aveva il morale.




La depressione per molti anni, non è stato chiamato una foglia.
La morte del marito divenne certa. Il lutto è iniziata con l'annuncio
della malattia.
La durata del ricovero è stato lasciato alla moglie il tempo
di riorganizzare la sua vita come se fosse da solo, ma il marito, in remissione
completa, tornato a casa un giorno.
Era già accasciata dopo il lavoro, ora è stato tutto il giorno. Per lei, era un fantasma. E 'stato scandaloso che nessun medico avrebbe potuto dire esattamente quanto tempo si poteva vivere.

Lei protestò: perché se non fossero consapevoli del fatto che si stava rimarginando, morti viventi a casa?

Voleva adottare misure, il lavoro, il divorzio, i bambini di distanza,
ma è stato possibile lasciare un malato? Esitò a volte
chiedo se tutti questi passaggi non sono inutili, se non in preda al panico
non per niente: tutto sarebbe forse andare in ordine ...

R. è molto depresso, la vita non ha gusto. Lei crede che
ciò che sta accadendo è normale: ha perso sua figlia.

Per dieci anni, ha visto un vero e proprio calvario. Non può, né vuole dimenticare il suo dolore. Tutto nel suo discorso sembra indicare che sua figlia è morta dieci anni fa.
Ci vorrà una richiesta di chiarimenti da parte mia di apprendere che la morte risale
solo quattro anni. Per questa madre, l'annuncio della malattia era simile
l'annuncio della morte.

Le relazioni che hanno avuto negli ultimi sei anni con la figlia, lei non può dire molto: erano difficili.
L'essenza del rapporto che si può parlare è difficile da nascondere il
la sofferenza della perdita. Ho imparato durante le sessioni di quella ragazza è
sposato e ha continuato a lavorare in questo periodo.


TRAUMA


Molti di questi pazienti continuano a consultarsi per il dolore
o entità.
Depressione o dolore cronico, scompenso tale
potrebbero essere intesa come uno stato di stress post-traumatico?

Descrizione di dissociazione traumatica non ci possono aiutare
ricordare ai pazienti: "Al momento del trauma da impatto, dissociazione
permette alla vittima di sfuggire al terrore che risulta dal confronto
alla morte.
Post-traumatico dissociazione è clinicamente
da ansia inibendo, fatti amnesia, negazione, ma anche da sintomi
depersonalizzazione (sensazione di espropriazione di integrità
sensazioni fisiche o mentali) o derealizzazione (irrealtà e di estraneità
il mondo, senza alterare la percezione).

Depersonalizzazione dà l'impressione di distacco, che trasforma l'attore in una sorta di automa o spettatore "(Lopez e Sabouraud-Seguin, 1998).

La descrizione dello stato di stress post-traumatico ricorda anche
denunce di alcuni pazienti e le loro vittime affrontare posizionamento
cura la violenza e dolore ... "La vittima rivive il trauma
ricordi ricorrenti e intrusivi, incubi relativi all'aggressione,
risvegli notturni brutali.
Sente che l'attacco potrebbe essere ripetuta soprattutto dopo uno stimolo esterno o ideativo. Evita le situazioni che gli ricordano l'attacco.

Tutti questi disturbi sono aggravati dopo l'esposizione a situazioni che ricordano le circostanze o simboleggiano il trauma iniziale.

Altri sintomi clinici sono ridotti i contatti esterni e colpisce uno stato di allerta permanente, disturbi del sonno e disturbi cognitivi che interessano la memoria e la concentrazione, ma la rabbia mal indirizzata legittima contro se stesso o contro la sua famiglia [...] "(Lopez e Sabouraud-Seguin, 1998).

Il signor S. ha detto: "Sono venuto a vedere voi perché ho detto non ho nulla in cui
Mi fa male. "Mi mostra il petto:" Là, dove sono stata operata, spero
'M guarito ma non riesco a crederci.
Ho dolore per tutto il tempo, è che io non posso fare niente, penso che per tutto il tempo
che ho avuto, che ho vissuto.
Non so come sono riuscito a uscire, è stato terribile, terribile.

Qual è stato terribile?

Trattamenti. L'ultima chemio, ho bevuto.
Io non mi avrebbe sostenuto ancora una volta che infligge il dolore.
Ho preferito bere. Sono stato avvertito che non ha un buon sapore.
Oltre al gusto, mi ha lasciato in bocca. "Il signor S. scoppia a piangere.
Piange singhiozzi, dicendo che non sapeva che esistesse
posti come questo, malattie del genere. Di notte si sveglia di soprassalto,
Ha incubi, è ancora in ospedale. A volte non si può più addormentarsi
e pensa che ha vissuto.

Numero di pazienti che riguardano anche condotte di evitamento.
Deviazioni importanti per evitare tavolo, davanti alla nausea ospedale,
tornando semplicemente vedere l'ospedale.
L'evitamento della TV, perché in
molte scene film si svolgono in ospedale.
La lettura di un semplice articolo su una testimonianza di ex paziente può destabilizzare l'umore e rivivere stati di angoscia o rabbia per la pesantezza delle cure.
Molti mostrano una sorta di scissione.

Atteggiamento Socialeadaptée con l'incapacità di affrontare tutto ciò che ha un legame con la malattia e, in parallelo, un atteggiamento interiore ossessionato dai ricordi
la cura, la paura di una ricaduta.

La signora S. in remissione per venti anni, in attesa in un contesto di recidiva paura ansia, "Sai, ha detto, queste malattie, si può dire
si vuole, non si cura! '


CONCLUSIONE


La storia di Lazzaro in parallelo con la storia di alcuni tumori
curato solleva una serie di interrogativi. La particolarità di questa
sta nel lungo confronto con la morte attraverso la malattia e quindi
In realtà, la difficoltà a gioire alla notizia della guarigione.
Se la guarigione può deludere il paziente è che si tratta innanzitutto di scomparsa
malattia biologicamente.

Poiché la malattia è definita dalla medicina.
Si aspetta che il paziente può essere diverso.

L'interesse del medico è il soggetto della scienza, il cancro, distinto
essere lo indossa, che non riguarda la sua arte.

Essa si basa sul presupposto di somiglianza e continuità di funzionamento di una anomalia è macchiato corpo e l'azione terapeutica può essere eseguita.
Ma l'argomento viene presentato nella sua interezza al medico.

Se il medico in grado di soddisfare una guarigione biologica nella sua pratica, il paziente, resterà fintantoché non sia che la guarigione non colpire l'intera sua condizione.

Rimane vero che l'azione terapeutica può salvare vite umane a rischio di incontrare
questa insoddisfazione del paziente guarito.

Se Lazzaro realizza la potenza di Dio, il paziente in remissione
non era ha visto la potenza di un corpo che supera?

Non esiste una cura per se stesso, ma con la capacità di aumento della medicina
Nel corso di tale suitson indipendentemente da lui.

Il ritorno alla vita di Lazzaro non è accompagnata da alcuna missione terrena.
Lazzaro non risorto per sé o per la sua felicità sulla terra,
partecipa alla realizzazione di un desiderio che trascende e lasciato solo in seguito
per trovare un senso alla sua vita.

Questa è forse una delle lezioni che abbiamo bisogno di ritirarsi da ascolto a questi
pazienti guariscono senza gioia. Questo tempo di solitudine potrebbe essere quella di un
guarigione in secondo luogo, la ricostruzione tempo psichico del paziente
remissione.

Tale ricostruzione può essere considerata come un passo necessario dopo la guarigione biologica. La malattia si svolge in un contesto che sconvolge psichica.
La guarigione non può di per sé cancellare tutte le revisioni che si sono verificati.

Possiamo quindi considerare che è il nostro impegno per la piena
se lasciamo che il paziente sano, anche se indebolita nel deserto roccioso
decadimento mentale?

Se il potere divino ha dato vita a Lazzaro, lui non rimane con i percorsi guidati umani che lo riporteranno in mezzo a loro?


Questo testo prezioso trovato su internet mi ha permesso di mettere finalmente un nome a quello che sospettavo da anni: lontano completamente il cancro continua a influenzare la vita o fianchi con più forza.

Quando il medico è in grado di guarire voi che non ha dimenticato di avvertirti che sei sempre una persona a rischio, almeno per il cancro e che ha toccato una volta può tornare in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento.

Nonostante il passare degli anni mi fanno credere che la minaccia tende ad allontanarsi, non andare un giorno senza il mio pensiero.

Questo non è necessariamente negativo e può ritagliare il quoidien priorità.

E 'parte di me per sempre e anche se la cicatrice che attraversa il mio addome è l'unica traccia visibile, rimango evocazione sensibile del soggetto.

La colpa è anche parte della mia sindrome: per questo che sono ancora qui e gli altri non sono così fortunati ...?

La domanda rimane senza risposta per sempre, ma rivendico il mio diritto di chiederlo,
questo fa parte della mia umanità e la mia capacità di mantenere intatte tutte le mie facoltà facoltà elastici che mi ha permesso di far fronte emotivamente difficile infanzia e la perdita di una madre ha lasciato troppo presto.

Come se la vita avesse voluto prepararmi al peggio e che il messaggio inviato in questa occasione mi avrebbe permesso di prendere una vita diversa direzione da quella che ero.

Sto lavorando al momento del passaggio perché credo di capire questo messaggio, ma non è così semplice e dobbiamo accettare di strofinare il cancro che quasi ci distruggerà e il nostro ci ha amati (non dimenticare mai questo danno occasione per chiudere da questo evento, tornerò al momento di un prossimo articolo) e integrare questo incidente come una fase della vita.

Non dimentico la piega presa dalla mia vita e per lo sport che è diventato mio.

Oggi ho raggiunto un punto di svolta nella mia vita, perché ho visto un periodo di equilibrio fatto di professionale e personale passioni si incontrano e mi fanno sentire più forte.

Sento di aver finalmente trovato l'utilità di questo incidente di vita ispirare tutti coloro che un giorno o l'altro si troveranno ad affrontare questa situazione trasalimento, qualsiasi forma essi possono e anche per il diritto a fasi alterne di buono e meno buono.

Una cosa è certa: io continuerò a combattere sul terreno della mia vita e mettere tutte le mie forze al suo servizio.

Aucun commentaire:

Enregistrer un commentaire